DORMONO SULLA COLLINA – BUNKER ANN04 – 17 OTTOBRE 2024
Teatro Studio Bunker
Torino,via Paganini 0/200
10154
Italia
Accademia dei Folli compagnia di musica - teatro

Organizador

COMPAGNIA DI MUSICA-TEATRO ACCADEMIA DEI FOLLI ETS

DORMONO SULLA COLLINA – BUNKER ANN04 – 17 OTTOBRE 2024

17 octubre 2024 - 21:00
"La morte", scrive Pavese, "è l'attimo decisivo, che dalla selva dei simboli personali ne ha staccato uno con violenza, e l'ha saldato, inchiodato per sempre all'anima"
Tipo de entrada Ventas terminadas Precio Cantidad
Tipo de entrada: INTERO Ventas terminadas: 17/10/2024 21:00 Precio: 13,00 Cantidad:
Tipo de entrada: UNDER 30 Ventas terminadas: 17/10/2024 21:00 Precio: 10,00 Cantidad:

En OOOH.Events también aplicamos nuestras (pequeñas) tarifas de servicio, las encontrará indicadas en la página siguiente.

Detalles del Evento

Ero una ragazzina quando vidi per la prima volta l'Antologia di Spoon River - racconta Fernanda Pivano - Me l'aveva portata Cesare Pavese, una mattina che gli avevo chiesto che differenza c'è tra la lettura americana e quella inglese. Duecentoquarantaquattro poesie, altrettanti epitaffi: questa è la Spoon River di Edgar Lee Masters, un piccolo cimitero su una collina.

I personaggi raccontano la propria storia da morti, quando si trovano ormai dall’altra parte della lapide, e ne approfittano: sparlano, screditano, recriminano, accusano, calunniano, infamano, con la spavalderia di chi non ha più niente da perdere. Dormono sulla collina è uno dei primi versi dell'Antologia, ma anche il titolo di una nuova "raccolta di epitaffi", piemontese invece che americana, e affidata all'oralità del teatro invece che alla pagina scritta. Un minatore con velleità da ornitologo e un suo collega terrorizzato in vita dal grisou e in morte dai fuochi fatui; un partigiano badogliano e un repubblichino di Salò; un tizio che morì con un tris d'assi in mano e un amante del bluff estremo; e poi ancora un prete oratore, un architetto ossessionato dalle altezze vertiginose, un poeta da quattro soldi, un mercante di parrucche...

"La morte", scrive Pavese, "è l'attimo decisivo, che dalla selva dei simboli personali ne ha staccato uno con violenza, e l'ha saldato, inchiodato per sempre all'anima". Ecco cos'hanno in comune tutti questi personaggi, oltre al fatto di essere piemontesi. Sono stati vivi e forti, si sono arrabbiati, si sono commossi, hanno riso e pianto, amato e odiato, e adesso tutti quanti dormono, dormono, dormono sulla collina.

Otros eventos del mismo organizador