UNA STORIA CHE NON STA NÉ IN CIELO NÉ IN TERRA
Ospedaletto +
Martina Franca,via Orfanelli, 5
74015
Italia
Ospedaletto +

Organizzatore

Daria Paoletta

UNA STORIA CHE NON STA NÉ IN CIELO NÉ IN TERRA

7 luglio 2022 - 21:00
Vendite online terminate
UNA STORIA CHE NON STA NÉ IN CIELO NÉ IN TERRA è uno spettacolo teatrale
che andrà in scena il 7 luglio - ore 21.00 Presso l'Ospedaletto di Martina Franca
ingresso 10,00 € - prenotazione obbligatoria
per info 080 999 71 03

Dettagli evento

"ALLA RICERCA DEL TEMPO PERDUTO" è la rassegna teatrale dell'Ospedaletto per massimo 40 persone, prevista ogni giovedì del mese dal 23 giugno al 4 agosto
----------------------
7 luglio - ore 21.00
ingresso 10,00 € - prenotazione obbligatoria
per info 080 999 71 03

UNA STORIA CHE NON STA NÈ IN CIELO NÈ IN TERRA
Compagnia Burambò
di e con Daria Paoletta
Raccontare una storia è un'arte antica tra le più affascinanti. Le parole del narratore seducono lo spettatore, che si abbandona al suono di esse, facendosi trasportare in una realtà frutto dell'immaginazione. La leggenda tarantina è una foto in bianco e nero.
L'attrice Daria Paoletta, racconta la vita di un paese e della sua acqua della Puglia, ai tempi in cui le donne usavano portare i capelli raccolti e le spalle avvolte in scialli neri. Eppure, il passato si riscopre essere presente: i vicoli del paese, dove risuonano le voci delle comari che sanno tutto di tutti; Marionna e Cataldo, i protagonisti, si sposano giovani, inesperti della vita, vivono in pieno il conflitto esistenziale di aderire alla volontà degli altri prima ancora che alla propria; la lotta della vita che cerca di prevalere sulla morte; l'amore, vincitore di ogni avversità umana. L'arrivo delle sirene, seducenti ma ambigue, concede alla storia il fascino tipico delle figure mitologiche.

-------------------------------------------------------------------
La rassegna "Alla Ricerca del Tempo perduto" è sostenuta grazie al bando "Luoghi Comuni – iniziativa promossa dalle Politiche Giovanili della Regione Puglia e ARTI finanziata con risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2014-2020 e del Fondo Nazionale Politiche Giovanili”