DISCORSI SENZA PUNTO MENTRE LA VERITÀ CIAO
fACTORy32
Milano,Via Watt 32
20143
Italia
fACTORy32

Organizzatore

PaT – Passi Teatrali

DISCORSI SENZA PUNTO MENTRE LA VERITÀ CIAO

1 luglio 2022 - 20:00
Vendite online terminate
PaT – Passi Teatrali torna sulle scene milanesi con Discorsi Senza Punto Mentre la Verità Ciao
Le vendite per questa data sono terminate. Potrebbero essere ancora disponibili altri eventi.

Dettagli evento

REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA PER L’INGRESSO A TEATRO!

Per assistere ai nostri spettacoli, è necessario registrarsi all’associazione (se non lo si è già fatto) e sottoscrivere la tessera associativa annuale del costo di € 2,00 da pagarsi direttamente in contanti al botteghino del teatro il giorno della replica. La sottoscrizione online obbligatoria deve avvenire entro e non oltre 24 ore prima l’inizio della replica. Ogni singolo partecipante all’evento, dovrà essere socio di fACTORy32 pertanto è necessario che ogni partecipante si registri al sito tramite il link: https://www.assofacile.it/calendario/factory32/iscriviti; oppure cliccando sul link a sinistra (o sotto, da smartphone): ISCRIVITI.
Senza la pervenuta richiesta associativa, la conseguente presa in carico e accettazione, non si potrà accedere alla sala teatrale.
--------------------------------------------------------------------------
fACTORy32 - Stagione Teatrale 2021/2022

Dall'1 al 3 luglio 2022
Venerdì ore 20.00 - Sabato e Domenica ore 20.30

DISCORSI SENZA PUNTO MENTRE LA VERITÀ CIAO
Con Gledis Cinque, Erica Del Bianco, Federico Rubino, Nick Russo
Testo di Rodolfo Ciulla e Aureliano Delisi
Regia di Pier Vittorio Mannucci
Aiuto regia di Gledis Cinque
Costumi e Scenografie di PaT – Passi Teatrali
Produzione PaT – Passi Teatrali

Dopo il successo di Cafards e Petrolio, PaT – Passi Teatrali torna sulle scene milanesi con Discorsi Senza Punto Mentre la Verità Ciao, vincitore della I Edizione del Concorso “PaT - Passi Teatrali” per la Drammaturgia Italiana Contemporanea Under 35, organizzato in collaborazione con il Teatro fACTORy32 e lo spazio teatrale Quarta Parete di Milano. Il testo ha vinto anche il premio di drammaturgia contemporanea "Shakespeare is now" (2019) ed è stato finalista a "Drammi di forza maggiore" (2021).

Discorsi si interroga sul senso della vita: perché siamo qui? Qual è il significato ultimo della nostra esistenza? E che cosa dobbiamo farne – di questa e delle altre che, forse, verranno? Queste domande hanno assillato l’umanità fin dall’alba dei tempi, pungolando le menti di filosofi come Kant, Kierkegaard e Schopenhauer, scrittori come Dostoevskij, Proust e Ligotti, e umoristi del calibro di Douglas Adams e dei Monty Python. Discorsi riprende lo spirito di questi ultimi, dando vita a un susseguirsi di vicende surreali apparentemente scollegate: ma le apparenze, si sa, ingannano. A porsi la domanda delle domande troviamo un ginocchio e un gomito, un diavolo e un uomo apatico, un supereroe e sua moglie, un leone e un’antilope, la Terra e il Sole. Personaggi diversi eppur attanagliati dallo stesso desiderio bruciante di trovare una verità assoluta, che continua, sempre e in modo frustrante, a sfuggire di mano.

Note di regia

Discorsi mi ha colpito come una folgore: è spiazzante, esilarante, stimolante, e tante altre cose che finiscono in “ante.” È un testo-iceberg, con una molteplicità di livelli di lettura e una complessità che sono nascosti a un primo sguardo, ma emergono con prepotenza con il passare dei minuti. Discorsiabbraccia la poliedricità della natura (umana e non), raccontandola in tutte le sue forme, e alternando con maestria leggerezza e dramma per raccontare la cosa più semplice e complessa che ci sia: la vita.Una vita fatta di ostacoli, cadute, sforzi che sembrano destinati a non finire mai. Una vita vissuta di corsa, senza fermarsi mai, inseguendo un traguardo che pare allontanarsi sempre più: una maratona.

Questa è l’idea che ha guidato la messa in scena dello spettacolo: i personaggi come maratoneti, corridori senza volto che solcano le strade della vita. Le loro identità sono fugaci, effimere: etichette che ci appiccichiamo addosso senza sapere per che, abbandonate nel magazzino di ruoli creato della società contemporanea, in cui tutti possono essere tutto e finiscono, paradossalmente, per non essere niente. La vita è il ruolo che ci assegniamo, o quello che decidiamo di prenderci? O, forse, la vita va oltre i ruoli, ma siamo divenuti incapaci di farne a meno, spinti dal nostro desiderio di incasellare, categorizzare, ridurre l’orribile incertezza che ci circonda per creare un ordine illusorio? Scegliendo di essere qualcosa – qualunque cosa scegliamo la finitezza dell’essere e rinunciamo alle infinite possibilità del non-essere, sacrificando la proteiforme capacità umana di reinventarsi ancora, e ancora, e ancora.

-----------------------------------------------------------------------
Via Watt 32, Milano
info@factory32.it - www.factory32.it

Altri eventi dello stesso organizzatore

da: 9,30 €
17 dicembre 2022
fACTORy32, Via Watt 32, 20143 Milano 20143, Italia
da: 15,60 €
23 dicembre 2022
fACTORy32, Via Watt 32, 20143 Milano 20143, Italia
da: 15,60 €
27 gennaio 2023
fACTORy32, Via Watt 32, 20143 Milano 20143, Italia
da: 15,60 €
17 febbraio 2023
fACTORy32, Via Watt 32, 20143 Milano 20143, Italia
da: 15,60 €
10 marzo 2023
fACTORy32, Via Watt 32, 20143 Milano 20143, Italia
da: 15,60 €
31 marzo 2023
fACTORy32, Via Watt 32, 20143 Milano 20143, Italia
da: 15,60 €
14 aprile 2023
fACTORy32, Via Watt 32, 20143 Milano 20143, Italia
da: 15,60 €
12 maggio 2023
fACTORy32, Via Watt 32, 20143 Milano 20143, Italia
da: 15,60 €
9 giugno 2023
fACTORy32, Via Watt 32, 20143 Milano 20143, Italia