Infiniti Mondi – Festival Internazionale Teatro Romano Volterra
Teatro Romano
Volterra,Piazza Caduti nei Lager Nazisti
56048
Italia
Il Teatro di Tato Russo

Organizzatore

Mario Brancaccio,Carlotta Bruni,Paola Saribas,Marie Claire Graneri,Rosa Merlino

Infiniti Mondi – Festival Internazionale Teatro Romano Volterra

16 luglio 2020 - 21:30
Vendite terminate il 16/07/2020 - 20:30
"Di maniera che non è un sol mondo, una sola terra, un solo sole". Con queste parole Giordano Bruno traghettò l'umanità verso il futuro. Gli costò il rogo, ma ancora oggi il suo pensiero è parte della cultura umana. Con una verità: aveva ragione.
Le vendite online sono terminate ma continuano presso la sede dell'evento.

Dettagli evento

PREZZI
>>> INTERO: € 12
>>> RIDOTTO (under 18, over 70, soci COOP): € 10

OFFERTA: Presentando il biglietto in un museo pubblico, o area archeologica di Volterra avrai diritto a un ingresso omaggio

Si consiglia l'acquisto online del biglietto per agevolare gli ingressi nel rispetto della normativa covid-19.

'Di maniera che non è un sol mondo, una sola terra, un solo sole'.
Con queste parole Giordano Bruno traghettò l'umanità verso il futuro.

Gli costò il rogo, ma il suo ostinato indagare seminò l’idea di una molteplicità di genti, pensieri e mondi coesistenti nella contemporaneità del tempo. Solo dopo, Giordano Bruno è divenuto il simbolo della massima libertà d’espressione per la quale si dispose a morire. Forse allora il pensiero iniziò una nuova vita, che poi sarà chiave di volta della coscienza morale moderna.

Eppure ora che abbiamo prove non solo di innumerevoli soli, ma di probabili mondi, che viviamo in un’era capace di connettere ogni singolo individuo in qualsiasi regione si trovi, quella auspicata coscienza di essere parte significativa di un unico grande tempo-azione sembra sfumare. E se infiniti sono i Mondi e le galassie, l’uomo non può essere il privilegiato del creato. Tantomeno lo è un unico popolo, appartenente alle molteplici e poliedriche razze umane.

Si ha la sensazione che il lascito di Giordano sia sfigurato in una speculazione tuttologa dai tratti indistinti. Il frate Nolano , capace di attraversare tutta l’Europa culturale del suo tempo, di affrontare papi e re, oggi rischia di essere ridotto ad icona tra il gotico e l’esoterico. La forza e la novità della sua ricerca, in bilico tra l’ intuizione e la teoria, stava nell’affermazione di un paradigma culturale in cui la “prova” era importante ma comunque successiva alla visione.

Cosa fa di Giordano Bruno materia di teatro?
Oltre “Il Candelaio” e l’incontro con letterati e scrittori tra cui Shakespeare , è quella «filosofia virile e impaziente tutta piena di ‘furor eroico’ per la ricerca del vero, e di ‘fastidio’ per i perditori di tempo» che fa di Giordano Bruno argomento e ingrediente del Teatro.

L’urgenza di fronte all’evidenza, l’irrefrenabile sete di indagine, la forza di scolpirsi addosso quesiti e sentimenti, anche contrastanti, a costo di perdere ogni salvifica soluzione.
Da qui una filosofia e una azione che scompaginano ogni tradizione e consuetudine mettendo al centro l’individualità e la natura di ogni singolo elemento. Riportando ogni più piccola cosa (minuzzaria) alla concretezza della Materia «generatrice e madre di cose naturali, anzi la natura tutta in sustanza».

Giordano è materia, quella stessa materia che per il Nolano è il principio, la verità dell’essere-tutto, nel pluralismo delle sue infinite possibilità di esistenza. Essere-Materia-Natura. Sostanza e Struttura del Tutto. Composizione e scomposizione continua di aggregati di atomi.
Questa sapienza/conoscenza del proprio compito e del proprio destino , la percezione del Tutto, il suono dello straordinario divenire che si compone nel presente e del presente , nel nostro tempo è una maledizione. Questa nostra epoca così dedicata alla “specialistica funzionalità” dei suoi viventi, capace di trasformare esperienze plurali in una tabella di metadati, di ridurre sino all’estinzione ogni materia/umanità non utile, è l’habitat in cui oggi si troverebbe a confrontarsi il Nolano.
“Maleritto me” è il mantra di INFINITI MONDI: non una invocazione ma una sommessa e dolorosa affermazione che si perpetua ….. in scena il Maledetto – Mario Brancaccio , e gli Infiniti Mondi - Carlotta Bruni, Rosa Merlino, Luca Piomponi .