L’importanza di chiamarsi Ernest
Teatro Sant'Andrea
Pisa,Via del Cuore
56127
Italia
Koru Teatro

Organizzatore

Koru

L’importanza di chiamarsi Ernest

15 Marzo 2024 - 21:15
Vendite Online Terminate
L’importanza di chiamarsi Ernest è una delle commedie più rappresentate al mondo. Essa attacca con stile e irresistibile ironia le convenzioni del suo tempo, la stupidità delle etichette sociali e la comica ipocrisia dell’alta società vittoriana.

Posti esauriti

Questo evento è SOLD OUT!

Dettagli evento

L'IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNEST di Oscar Wilde - Produzione KORU TEATRO
Commedia

The importance of being Ernest è una delle commedie più rappresentate al mondo, nonché la più conosciuta di Oscar Wilde, celebre autore inglese vissuto nella seconda metà del diciannovesimo secolo. Il successo di quest’opera è dovuta al sottile umorismo di Wilde, pieno di nonsense, equivoci, ironia e giochi di parole, ma anche alla sua trama, spassosa e divertente, che si fa beffe della società vittoriana di cui l’autore conosceva bene le ipocrisie e le contraddizioni. Jack e Algernon sono due amici aristocratici che vivono entrambi una doppia vita: Jack ha inventato l’esistenza di Ernest, un fantomatico fratello che gli permette di fuggire dalla sua tenuta di campagna, dove deve essere un modello per la sua pupilla Cecily; Algernon ha creato un amico infermo e cagionevole di nome Bambury, così da poter fuggire dai doveri e dagli eventi mondani londinesi a cui sua zia Augusta lo obbliga a partecipare. Jack è innamorato di Gwendolen, cugina di Algernon e figlia dell’austera zia Augusta, il cui sogno d’amore è quello di sposare un uomo di nome Ernest, in quanto, secondo lei, questo nome ispira assoluta fiducia e produce “vibrazioni”. Jack si finge quindi Ernest, così da potersi unire a lei in matrimonio. Nel primo atto Algernon scopre la doppia vita di Jack e dell’esistenza di Cecily, e decide, all’insaputa dell’amico, di recarsi alla tenuta di campagna per “bambureggiare” con la giovane fanciulla, fingendosi proprio il fratello scapestrato Ernest, di cui la pupilla è perdutamente e idealmente innamorata.

Ovviamente queste vicissitudini sono farcite di equivoci e colpi di scena che rendono la commedia esilarante e avvincente, fino alla sua ironica conclusione. L’importanza di chiamarsi Ernest attacca con stile e irresistibile ironia le convenzioni del suo tempo, la stupidità delle etichette sociali, la comica ipocrisia dell’alta società, la vacuità che si annida nel romanticismo infantile di alcune adolescenti. Il tutto in una commedia frizzante e briosa, mordace e allegra ma al tempo stesso intelligente e profonda.

Con: Andrea Bordacchini, Lucrezia Carosi, Tobia D’Amario, Matteo Gonfiantini, Bianca Mazzei, Benedetta Pancrazi, Stefano Scarpellini, Luca Tessieri, Silvia Toniolo.

Regia: Luca Tessieri
Assistenza alla Regia: Giuseppe Mendicino & Martina Perodi
Costumi: Massimo Poli

DOVE: Teatro Sant’Andrea di Pisa, via del Cuore.
QUANDO: 15 e 16 marzo 2024, h.21:15
DURATA: circa 1 ora e 50 minuti
BIGLIETTI: Intero €10, Ridotto Soci, "Amici di Koru" e Studenti €8

Partner

Altri eventi dello stesso organizzatore

19 Aprile 2024
Teatro Sant'Andrea, Pisa