Mozart e Salieri_ Puskin suite
Teatro India - Sala B
Roma,Lungotevere Vittorio Gassman 1
00146
Italia

Organizzatore

Mozart e Salieri_ Puskin suite

Mozart e Salieri_ Puskin suite

15 dicembre 2021 - 20:30
Vendite terminate il 15/12/2021 - 19:30
Mozart e Salieri_ Puskin suite

Dettagli evento

Oggi sappiamo che, a differenza di quanto ha sostenuto un inossidabile mito romantico, Antonio Salieri non ha mai avuto la minima intenzione di avvelenare Wolfgang Amadeus Mozart: al centro del più famoso dei Piccoli atti drammatici di Puškin c’è dunque una diceria che si comporta come quelli che la Zambrano definisce “sogni di calunnia”. Ma è proprio nel suo onirismo che si disegna, concisa e ineludibile, la verità di una relazione mimetica esemplare in cui l’invidia è solo l’altro nome dell’ammirazione: cosa provoca nel mondo e tra gli uomini di mondo l’irruzione del genio o della grazia? Il poeta russo ha caricato il contrasto tra le due figure di tutte le sfumature del conflitto tra la cultura e l’arte, dove è sempre la prima che “uccide” la seconda a forza di analisi e consapevolezza. Salieri, che ha “sezionato la musica come un cadavere”, sa tutto e soprattutto che Mozart è un genio, mentre Mozart quasi non si conosce, come dice il suo antagonista “non è degno di sé stesso”. In questa precipitosa manciata di versi pensiamo si trattenga la luce di un mistero che ancora ci riguarda. Ma noi, è vero, pensiamo anche che Salieri sia un uomo e Mozart una donna


BIOGRAFIA
La Compagnia Garbuggino–Ventriglia è stata fondata nel 2002 da Silvia Garbuggino e Gaetano Ventriglia. Ispirandosi a un teatro puro e visionario fondato sulla drammaturgia dell’attore, la compagnia si è dedicata soprattutto all’attraversamento scenico della grande letteratura (Dostoevskij, Cervantes, Pasolini) e del grande teatro (Cechov, Shakespeare).

“Gaetano Ventriglia e Silvia Garbuggino sono l’incarnazione impossibile del teatro che non ha carne, il teatro fantasma che appare come un sogno e lascia interdetti come di fronte a una visione, il teatro che trattiene – appunto– e che dell’intrattenimento non sa proprio cosa farsene.”

Graziano Graziani – minima&moralia