TEMPESTA – Festival Internazionale Teatro Romano Volterra
Teatro Romano
Volterra,Piazza Caduti nei Lager Nazisti
56048
Italia
Il Teatro di Tato Russo

Organizzatore

Carlotta Bruni,Paola Saribas,Rosa Merlino,Sebastiano Tringali

TEMPESTA – Festival Internazionale Teatro Romano Volterra

22 luglio 2020 - 21:30
Vendite terminate il 22/07/2020 - 20:30
Una «tempesta» di emozioni che coinvolgono gli spettatori trasportandoli simbolicamente su quelle
carrette del mare, immersi nel buio, in balia delle onde, dove gli attimi diventano l’eternità.
Acquista ora il tuo biglietto!
Le vendite online sono terminate ma continuano presso la sede dell'evento.

Dettagli evento

PREZZI
>>> INTERO: € 12
>>> RIDOTTO (under 18, over 70, soci COOP): € 10

OFFERTA: Presentando il biglietto in un museo pubblico, o area archeologica di Volterra avrai diritto a un ingresso omaggio

Si consiglia l'acquisto online del biglietto per agevolare gli ingressi nel rispetto della normativa covid-19.

Una «tempesta» di emozioni che coinvolgono gli spettatori trasportandoli simbolicamente su quelle
carrette del mare, immersi nel buio, in balia delle onde, dove gli attimi diventano l’eternità.
Memorie di una vita vissuta mai abbastanza, interrotta dalla tempesta di ricordi che si mischiano
inutilmente alle speranze. Un futuro negato.
Il respiro silente del mare è filo conduttore della «Tempesta». La via del mare, la via della speranza,
il nubifragio, la tempesta, la costa che è ancora lontana. La morte.
Ritrovare parallelismi, non lontani, tra poesia con la cronaca e l’attualità, non stupisce : così anche
nel viaggio di un Grande Classico come l’Eneide, ci si incontra col tema dell’immigrazione : un gruppo di pagani che sfuggono da un’invasione vera e propria (la guerra dei Greci contro Troia), perpetrata con violenze di ogni genere fino ad operare una vera e propria sostituzione etnica.
L’Eneide inizia con una tempesta: e non una tempesta qualunque, ma un perfect storm virato sulla
mito, un’arcitempesta in cui tutti i venti a disposizione di un dio intervengono a recare la maggior
devastazione possibile. Quella tempesta rispecchia in fondo qualcosa che l’uomo/Enea ha dentro :
è l’epifania di un punto di rottura interiore, e quel gridare dell’uomo/eroe è rivelante.
Il mare, la sua vastità, il suo respiro... il silenzio che ne compete. Non più storie di uomini e il mare,
ma l'emozione di un “Mare” non più vita, non più incontro o prospettiva.
Un percorso di sola lirica e stupefazione in cui i ricordi si mescolano con la memoria presente e l'intuizione del tutto. L'attore così diventa il luogo e lo spazio di “ Transito” di infinite vicende... mentre la danza respira
l'immanenza di una vita desiderata e “ mai più vissuta abbastanza”.

…. I remi si spezzano, la prua si rivolta, offre all’onde
il fianco: gli corre incontro il monte d’acqua scrosciando.
Pendono questi in vetta al flutto, a quelli l’onda, che piomba,
apre tra i flutti la terra, schiuma e sabbia ribollono.
…. un maroso investe a poppa: ne balza via il timoniere
e a capofitto precipita; l’onda tre volte
fa roteare la nave, il vortice avido l’inghiotte nel mare.
Si vedono corpi nuotare dispersi pel gorgo funesto,
armi guerriere, e tavole, e teucri tesori fra l’onde.

Altri eventi dello stesso organizzatore

da: 10,80 €
12 agosto 2020
Teatro Romano, Piazza Caduti nei Lager Nazisti, Volterra 56048, Italia