2019-05-17T10:36:45+02:00

Mettere in vendita un evento sul web non basta a garantirti un sold out: serve qualche piccolo accorgimento per aiutare la “buona sorte”. Ecco cosa fare.

Il settore dell’e-commerce ha fatto passi da gigante negli ultimi anni, arrivando anche a definire alcune regole precise per stimolare le vendite e ottenere i risultati migliori.

Ecco quindi per te “organizzatore” alcuni consigli per usare al meglio questi strumenti di vendita online.

1) Biglietteria = vendita + promozione

Il sistema di biglietteria online è lo strumento di vendita. Può diventare anche strumento di promozione se A) le pagine che presentano il prodotto (eventi) sono correttamente ottimizzate per il SEO e quindi rendono l’evento più visibile sui motori di ricerca; B) se la piattaforma del sistema di biglietteria ha una buon traffico; C) infine, se la piattaforma è studiata bene dal punto di vista della usability, e quindi consente al cliente di acquistare rapidamente (altrimenti fa perdere vendite).

Quindi: facile da usare, ben posizionata per il SEO, buon traffico. Ma c’è un ultimo punto: cosa fa concretamente la piattaforma per promuovere gli eventi ospitati?

Newsletter, notifiche push, attività sui social network, sponsorizzazioni: quante piattaforme di biglietteria sono realmente attive in questo senso, a favore dei propri organizzatori?

Questo è un confronto sull’engagement sui social network delle principali piattaforme di biglietteria online in Italia, fatto tramite Semrush, per il periodo 15 aprile – 14 maggio 2019 (nel caso di Eventbrite, il dato è riferito agli utenti internazionali):

Come si può vedere, le varie piattaforme di biglietteria hanno logiche e strategie differenti rispetto alla promozione degli eventi.

Chiaramente anche l’organizzatore deve contribuire attivamente al processo di vendita e alla comunicazione verso il proprio pubblico.

Per capirci: se hai una pagina Facebook, un gruppo, un sito, una presenza su altri canali dove hai già investito per crearti un’utenza, quello è il posto dove iniziare a comunicare ai tuoi clienti/follower/fan che possono acquistare il tuo prodotto/servizio/evento.

2) non tutti i social sono uguali

Ricordati che non tutti i social sono uguali: ci sono alcune piattaforme social che funzionano molto bene come supporto alle vendite, e tra queste le migliori sono Pinterest, Instagram e Twitter.

Non sottovalutarle perché – se sembrano meno frequentate e meno semplici nel consentirti di raggiungere un numero elevato di follower – in realtà sono molto più efficaci per ottenere risultati di vendita di tutto rispetto.

3) presenta il tuo evento nel modo migliore

Se vai su Amazon per comprare un prodotto, ti aspetti che la scheda sia esaustiva: non compri un materasso se non trovi tutte le specifiche di quel materasso.

Un evento non fa differenza: la scheda dell’evento è il posto dove lo presenterai ai tuoi potenziali clienti nel modo migliore per indurli ad acquistarlo.

Partendo dal titolo, alla descrizione breve fino alle foto, il video e la descrizione estesa – comprese le condizioni d’uso – tutto deve essere pensato per finalizzare l’acquisto.

Ecco alcune indicazioni di base:

  • titolo: nel titolo devi indicare due elementi chiave, ossia il contenuto (l’artista, la band, il soggetto) e la location. Per la location, puoi anche usare la formula abbreviata @nome-del-locale;
  • descrizione breve: è lo “strillo” che si vedrà anche sui motori di ricerca, ed è un testo specificatamente commerciale. Quindi qui devi usare le argomentazioni più forti (es.: unica data in Italia!; solo per un giorno! prezzo speciale web!) perché devi creare un senso di urgenza nel lettore. In altre parole, devi trasmettere il messaggio che l’evento è un’opportunità che va colta subito altrimenti passa;
  • URL: il sistema di vendita ti consente di creare una URL personalizzata. In automatico la URL verrà costruita a partire dal titolo dell’evento (es.: https://oooh.events/eventi/titolo-dell-evento-a-nome-del-locale) però puoi modificare o aggiungere elementi, perché la URL può anche essere molto lunga ed è un elemento fondamentale per un corretto posizionamento sui motori di ricerca;
  • immagini: non scordare le immagini, metti foto belle e accattivanti, preferibilmente più di una;
  • video: su OOOH.Events puoi anche mettere video di YouTube nella scheda dell’evento. Utilizza un video di un evento precedente, o una clip dell’artista, per consentire ai tuoi clienti di conoscere l’artista o il contenuto;
  • descrizione estesa: qui puoi mettere un testo più lungo per raccontare nel dettaglio chi è l’artista oppure qual è il contenuto che presenti o che cosa avverrà in sede dell’evento. Non scordarti le condizioni di utilizzo che vuoi applicare: la tua politica sui rimborsi, la descrizione dei prezzi con l’indicazione di come vengono applicati (es.: ridotto per i minori di anni X o maggiori di anni Y), la descrizione delle offerte (es. Early Bird scontato solo fino al giorno X oppure offerta 3×2 al prezzo di Y), eventuali limitazioni (es. i cani non possono entrare; dress code), se ci sono facilities (parcheggio? autobus? metropolitana? etc.).

4) ricordati le keyword

Ricordati sempre che i motori di ricerca vanno a guardare le parole chiave del testo: se il tuo evento riguarda l’artista X o tratta il contenuto Y, ripeti questa parola più volte nel testo, in modo da far capire a Google, Bing, Yahoo etc. di cosa stai parlando per poter presentare la tua pagina agli utenti che cercano quella cosa.

5) imposta un prezzo online più vantaggioso rispetto a quello che applicherai alla porta

Rendi l’acquisto online vantaggioso per il tuo cliente, perché è vantaggioso per te.

Se il prezzo online è uguale o addirittura maggiore di quello alla cassa, ovviamente nessuno comprerà i biglietti online. Invece un prezzo online – tra tariffa, diritto di prevendita e commissioni – complessivamente più basso stimolerà gli utenti ad acquistare online. E ogni vendita online significa meno lavoro da fare in cassa, la sera dell’evento: meno file, meno problemi di gestione del contante, una “esperienza utente” complessivamente migliore.

6) utilizza le offerte, crea opportunità

Non limitarti a pubblicare un’unica tariffa, è una cosa che ormai non fa più nessuno: dalle linee aeree ai supermercati, da Amazon fino a eventi planetari come il Black Friday. Addirittura le sanzioni tributarie sono scontate se il contribuente paga in anticipo :-).

E allora cosa aspetti?
Gestisci un piano tariffario evoluto, inserendo un prezzo standard, un early bird scontato per chi acquista in anticipo, un last minute che può attivarsi automaticamente se ti restano posti liberi a poche ore dall’evento.

Con OOOH.Events puoi creare tutte le tariffe che vuoi, senza alcun limite.

7) quanto incidono le commissioni sul prezzo del biglietto?

Le vendite su internet non possono costare meno di tanto. Ci sono molti prodotti su Ebay che costano pochi euro, ai quali poi bisognerà aggiungere il costo della spedizione che sarà di 5 o 7 euro.

Lo stesso vale per gli eventi: dietro OOOH.Events c’è un sistema di biglietteria omologato dall’Agenzia delle Entrate, processo complesso e oneroso che ha portato alla realizzazione di un sistema molto sofisticato e che oltretutto richiede risorse umane qualificate per essere gestito correttamente.

Per l’organizzatore l’utilizzo di OOOH.Events è totalmente gratuito: le commissioni del servizio vengono aggiunte al costo del biglietto definito dall’organizzatore, e fatturate direttamente al cliente finale.

Sono commissioni molto contenute, non a caso i nostri concorrenti applicano tariffe più elevate: noi siamo stati bravi a contenere il prezzo, ma meno di tanto non è possibile.

E per quanto parliamo di commissioni ridotte, ci potranno essere alcune circostanze nelle quali l’incidenza di una commissione di pochi centesimi – su un prezzo molto basso del biglietto, tipo 2 o 3 euro – potrà sembrare elevata.

Ci sono però degli escamotage. Se per esempio il tuo biglietto per un evento “non SIAE” è di 2,5 euro, invece di creare un ingresso singolo potresti creare un “ingresso x 2 persone” a 5 euro: in questo modo il tuo cliente spenderà 5 euro + le nostre commissioni (0,50 + il 2% + 0,95% per il pagamento online) ossia 5,65 euro, per avere un ingresso valido per 2 persone.

In pratica l’incidenza delle nostre commissioni sarà stata di meno di 33 centesimi a ingresso. Forse non troverai nulla di meglio sulla rete 🙂

8) e se volessi assorbire i costi del servizio?

E se vuoi assorbire i costi del servizio, riduci leggermente il prezzo dell’ingresso: se per esempio il tuo biglietto standard – quello che vendi “alla porta” – è di 10 euro, e vuoi farti carico delle nostre commissioni, puoi impostare il prezzo del biglietto online a 9,22 euro per avere un costo finale per lo spettatore di 10 euro, commissioni comprese.

9) ottimizza le vendite, associa al biglietto un gadget

Una volta che hai attirato l’attenzione del tuo cliente e l’hai portato sulla pagina del sistema di biglietteria online, puoi ancora introdurre altri elementi allettanti per portarlo ad acquistare: aggiungi al biglietto un gadget, una consumazione, un drink, oppure un libro, una dispensa, una maglietta, insomma crea un’ulteriore offerta commerciale invitante associando un bene o un servizio alla vendita dell’ingresso. In questo modo otterrai due risultati:

  1. avrai reso più appetibile l’acquisto online;
  2. avrai capitalizzato al meglio lo sforzo per attirare il tuo cliente: avendo conquistato la sua attenzione e disponibilità, coglierai l’occasione per vendergli due cose invece di una sola.

10) utilizza la prevendita per finanziarti

Vendere online non è soltanto un modo per conoscere in anticipo il gradimento del tuo evento da parte del pubblico: in tanti casi diventa una necessità per poterti finanziare.

Se il talent, l’artista, il relatore che hai deciso di presentare richiede un pagamento anticipato, oppure se l’organizzazione dell’evento ti impone di sostenere in anticipo alcuni costi, le prevendite online ti consentono di approvvigionarti di risorse economiche (le vendite anticipate) per affrontare questi costi.

Di norma OOOH.Events liquida l’organizzatore entro 5 giorni dal termine dell’evento, ma se hai esigenze particolari contattaci e ci potremo così organizzare per impostare un piano di pagamenti mensile o settimanale.

Pubblicato in Blog Taggato con: , , ,